“Morgan ha lanciato un paravento alla Michielin”, l’accusa

L'esperta di gossip Deianira Marzano ha rivelato che Morgan sarebbe stato cacciato da X Factor dopo aver tirato un paravento alla Michielin

morgan, x factor, michielin
Condividi l'articolo

Continua la bagarre attorno a X Factor. Come sparete Morgan è stato licenziato dal talent a seguito di ripetuti comportamenti incompatibili e inappropriati (qui i dettagli). Il motivo preciso per il quale il cantante è stato allontanato non è stato rivelato, sebbene Fedez abbia detto Morgan non è stato mandato via per le cose viste in video. Morgan è stato mandato via per cose che sono state dette off diretta ma non off camera, molto, molto gravi e violente, che riguardano non me. Ebbene, a distanza di qualche settimana l’esperta di gossip Deianira Marzano, attraverso le sue storie di Instagram, ha rivelato un retroscena davvero pesante, avente come vittima la presentatrice del programma Francesca Michielin.

Comunque Morgan è stato cacciato per ciò che succede dietro alle quinte, ne ha parlato anche Fedez: mentre Francesca Michielin si stava struccando, Morgan le ha lanciato addosso un paravento colpendo anche il truccatore, amico di una mia amica

Morgan dal canto suo ha immediatamente risposto inviando un messaggio nella chat di Whatsapp che ha con la stampa e scrivendo:

LEGGI ANCHE:  Morgan canta Sincero con la gente dai balconi [VIDEO]

Dicono che io ho scaraventato un paravento addosso a qualcuno ma ciò è totalmente inventato, come potrei io essere diventato uno spaventoso tiratore di paraventi dal momento che l’evento alle venti e venti non era neanche paventato minimamente? – scrive Morgan

Se tanto mi da tanto e mi pare che io sia pure appartato abbastanza da dire che preparo il talento perché sono preparato e perché l’ho imparato, mica mi invento di essere pure paradossale apparentemente superato a parere di chi fa le pare a palate ma io di scaraventare un paravento a Natale non ne voglio sapere e si spera capiate che il vento non c’era perché il posto era riparato, io spaventato dall’approssimare più disparato pari pari al depauperamento del ponte di papaveri e papere per ragioni di tempo e di parade, e secondo voi io avrei mai potuto appannarmi la mente sparando così in un momento a qualcuno quel paravento?

Ma è grave pensare che il vento volasse a favore perchè invero mi era contrario, mi si parava insolente mentre il mento mi pendeva silente perché non ci si può muovere quando si usa il solvente – prosegue Morgan

Parimenti facevo fatica a scattare impavido per quel mio intervento che si dimostrò invece invalido e mentre rientravo mi spaventava un paravento proprio vicino al convento quando io come un para’ mi avventavo sul pavé di cemento ma venivo a sapere che il paravento era scadente di quelli al massimo da venti scellini a dir tanto, e insomma non tentavo neanche di paralizzare il povero paravento ormai fattosi ombra oltre che vento a disapparire nel lento planare di un sogno in parvenza tormento che avrebbe Pavese magari preoccupato il lamento, e dunque come possono anche solo pensare che il pavimento sia ancora lì nell’intento di pavimentare il cortile nel vento e il parcheggio nel centro?

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Morgan: "Il tentato suicidio come una cura, lo faccio due volte al mese"

Seguiteci su LaScimmiaPensa