Dipendente di Disney compra droghe con la carta aziendale

disney
Credits: Instagram/ Taron Sargsyan
Condividi l'articolo

Taron Sargsyan, ex dipendente di Disney, ha raccontato, in un lungo saggio scritto su Business Insider, dei suoi problemi con la droga e di come abbia usato la carta aziendale per comprarla.

Ho iniziato il mio primo stage professionale presso Disney nell’estate del 2014 nella mia città natale di Glendale, in California – esordisce Sargsyan. Ho sentito uno scopo nel pianificare le attività estive e nel riunire la comunità dei tirocinanti. È stata l’estate più bella della mia vita. Non sapevano che anch’io stavo lottando contro una dipendenza da metanfetamine .

La mia esperienza traumatica di dichiararmi gay con la mia famiglia armena ha portato una nebbia oscura e solitaria nella mia vita. Il mio posto di lavoro era un rifugio dalla dipendenza e dai miei dolori. Mi piaceva essere circondato da persone fantasiose. Dopo la laurea e dopo il mio secondo stage presso Disney, ero entusiasta di essere stato assunto come ingegnere del software nel team PhotoPass. Era il lavoro dei miei sogni e un rifugio. Sapevo di essere fortunato ad averlo.

Man mano che la mia dipendenza si aggravava, le mie finanze non riflettevano più lo stipendio a sei cifre che guadagnavo alla Disney. La maggior parte del mio denaro veniva speso in droghe e per aiutare la mia famiglia immigrata. Alla fine ho raggiunto un punto di rottura.

Ho speso circa 24.000 dollari sulla carta di credito aziendale della Disney per sostenere la mia dipendenza dalla droga e la mia famiglia. Mi ero convinto che l’avrei ripagato, ma mi stavo mettendo nei guai. All’inizio del 2017 ho seguito il consiglio di uno sconosciuto e ho ammesso il mio errore al mio manager. Avevo il terrore di essere licenziato o di finire in prigione, ma la Disney mi ha offerto il più grande gesto d’amore che chiunque avrebbe potuto mostrarmi. L’azienda mi ha dato la possibilità di ripagarlo e mi ha lasciato un avvertimento formale. Questo è stato un grande punto di svolta nella mia vita.

La mia famiglia mi ha concesso un prestito per ripagare tutto e per l’anno successivo ho lavorato per ripagarli. La seconda possibilità che la Disney mi ha dato mi ha anche ispirato ad andare in riabilitazione. Ma ho fallito sei volte e stavo iniziando a perdere la speranza. Il 17 luglio 2018 ero bloccato senza benzina, senza soldi e con 10 giorni rimasti per tornare al lavoro da un altro congedo medico. La dipendenza mi ha portato ad allontanare tutti i miei amici e la mia famiglia. Temevo che stavo per perdere l’unica costante rimasta nella mia vita: il mio lavoro alla Disney.

Ma quel giorno ho cercato su Google “riabilitazione per professionisti” e ho chiesto aiuto. Un conoscente mi ha portato con Uber in una struttura di riabilitazione a Tustin, in California. Qualcosa era diverso in questa esperienza di riabilitazione. Quando sono entrato in questa struttura di riabilitazione, la mia immaginazione mi ha convinto che stavo vedendo persone importanti della mia infanzia. 

Nella terapia di gruppo, il facilitatore sembrava il primo insegnante che ho avuto in America dopo essere emigrato dall’Armenia. I ricordi della mia infanzia tornarono alla mente quando lo vidi. Sentire la sua voce rassicurante mi ha teletrasportato la mente in quarta elementare. Mi sentivo di nuovo bambino. Mi ha ricordato la mia innocenza, la persona che ero prima della mia dipendenza. Il mio mento tremava. In qualche modo avevo dimenticato il fatto che non ero nato dipendente dalla droga.

In questa sessione di gruppo, le persone hanno letto storie che mi hanno profondamente colpito. Le storie sembravano scritte apposta per me. Non riuscivo a smettere di piangere. Mi sentivo come il protagonista del mio film Disney. Queste persone nella mia riabilitazione mi hanno ricordato la mia umanità. Ovviamente la Disney non ha avuto nulla a che fare con il mio soggiorno di riabilitazione. Ma la compassione dell’azienda nel non buttarmi sul marciapiede in uno dei momenti più bassi mi ha fatto credere nella mia capacità di cambiare per la prima volta.

La dipendenza mi ha quasi ucciso e ha offuscato le mie speranze per un futuro. La mia esperienza in riabilitazione mi ha permesso di ricostruire la mia vita e di lavorare per guarire il mio rapporto con la mia famiglia. Sono tornato a vivere con la mia famiglia per sanare la frattura nella nostra relazione. All’epoca la mia famiglia era la fonte principale dei fattori scatenanti della mia dipendenza.

La Disney mi ha mostrato che la compassione può essere una forza potente per ispirare il perdono e la responsabilità. Ho imparato che senza auto-perdono e responsabilità, la guarigione dalla dipendenza è impossibile. Negli ultimi quattro anni, io e la mia famiglia ci siamo avvicinati assumendoci la responsabilità reciproca delle nostre azioni. I miei genitori hanno avuto la possibilità di conoscere il loro figlio gay, che stava lottando contro la dipendenza.

Se non fosse stato per l’impatto della Disney sulla mia vita, forse non sarei guarito dalla mia dipendenza o non avrei sistemato il rapporto con la mia famiglia. Sono felice di non aver perso una vita piena di gioia, amore e gentilezza. Anche se non lavoro più per l’azienda, sono grato alla Disney per aver liberato il potere della mia immaginazione e avermi dato una seconda possibilità di vita. Sono anche eternamente grato alla mia famiglia per essersi evoluta con me durante il mio viaggio.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Aladdin delude e non soddisfa le aspettative

Seguiteci su LaScimmiaPensa