Chi sono i Daniels, gli eccentrici registi di Everything Everywhere All at Once [VIDEO]

Daniels
Condividi l'articolo

I Daniels: Daniel Kwan e Daniel Scheinert sono due registi che dobbiamo imparare a conoscere meglio, perché faranno molto parlare di sé

Daniel Kwan e Daniel Scheinert, noti come i Daniels, sono passati dall’essere semi-sconosciuti all’essere famosissimi praticamente nel giro di una notte grazie alla loro vittoria agli Oscar 2023 con Everything Everywhere All at Once (qui sotto) non solo come migliori registi ma anche per la miglior sceneggiatura (scritta sempre da loro) e, lo sappiamo, per il miglior film, più tutti gli altri premi.

Il trionfo per molti era annunciato e specie per chi conosce il loro lavoro da anni. Tuttavia, raramente si è vista un’ascesa al successo tanto repentina per due autori giovani ed esordienti. E quindi per molti sorgerà spontanea la domanda: chi sono? Da dove sono sbucati fuori e cos’hanno fatto prima di EEAAO?

Rispondiamo: Daniel Kwan e Daniel Scheinert, rispettivamente classe 1988 e 1987, si sono incontrati al college a Boston e presto hanno iniziato a lavorare a videoclip musicali per artisti indie o alternativi. Potrà sembrare un inizio di carriera umile ma molti registi importanti e acclamati si sono formati con i videclip, compresi per esempio David Fincher e Spike Jonze.

Tra i loro lavori in campo musicale si contano i video di Houdini e Don’t Stop (Color on the Walls), dal primo storico album dei Foster the People; quello di Simple Song degli Shins; quello, memorabile, di Rize of the Fenix dei Tenacious D (la band di Jack Black e Kyle Gass); e Tongues dei Joywave. Lavorano inoltre con Manchester Orchestra, Passion Pit e Battles.

Già in questi video si coglie il loro stile eccentrico e scatenato, anarchico e senza limiti. Nel frattempo sperimentano con diversi cortometraggi, sia in coppia che in solitaria. Nel 2016 il grande salto con Swiss Army Man, film A24 con Paul Dano e Daniel Radcliffe nel quale quest’ultimo interpreta… un cadavere che parla. Ed è solo la prima e più insignificante cosa da dire riguardo al film.

LEGGI ANCHE:  Everything Everywhere All at Once, la Recensione

Swiss Army Man conquista un cult following, anche se molti critici e detrattori lo deridono (ancora oggi) come “il film con il cadavere che scoreggia”. Un po’ come quelli che parlano di EEAAO come del film con “i sassi che parlano”. In realtà la storia, scritta sempre da loro, è profonda, complessa e psicologica.

Nel 2019 Daniel Scheinert dirige ed interpreta The Death of Dick Long, sempre per A24, con un buon responso. Ma ovviamente con Everything Everywhere All at Once, prodotto dai fratelli Russo, cambia tutto. In un completo trionfo del loro stile, il film vince agli Oscar anche miglior montaggio, miglior attrice, e miglior attore e attrice non protagonisti, più innumerevoli altri premi in altre sedi.

E per il futuro? Al momento si sa solo che i due hanno siglato un accordo televisivo con A24, il che significa che probabilmente produrranno o dirigeranno una serie; ma è ancora tutto da vedere. Nel frattempo hanno anche firmato per girare cinque film per Universal, cosa che speriamo non comporti una perdita di controllo creativo. Chissà come hanno in mente di stupirci la prossima volta.

LEGGI ANCHE:  Everything Everywhere All at Once: 10 curiosità sul film

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa