Aquaman 2, produttore spiega il mancato licenziamento di Amber Heard

Peter Safran, produttore di Aquaman 2, ha parlato dei motivi per i quali si è presa la decisione di mantenere Amber Heard nel cast

aquaman 2
Condividi l'articolo

Una delle questioni che maggiormente tenuto banco negli ultimi mesi è sicuramente quella relativa ad Aquaman 2 e la veemente richiesta dei fan che Amber Heard fosse licenziata. Sul web infatti, dopo la decisione di Warner Bros di sollevare l’ex marito dell’attrice, Johnny Depp, dai suoi impegni nel cast di Animali Fantastici a seguiti delle bene note questioni legali, erano partite moltissime iniziative, tra le quali una firmatissima petizione, per chiedere che lo stesso trattamento fosse subito anche dalla Heard.

Tuttavia, la posizione dell’attrice non è stata in dubbio neanche per un attimo. A rivelarlo è stato, Peter Safran, uno dei produttori del film che ospite al podcast di Deadline Hero Nation ha spiegato che le richieste dei fan non hanno influenzato le scelte di casting.

Non credo che reagiremo mai, onestamente, alla pressione dei fan – spiega Safran. Bisogna fare ciò che è meglio per il film. Abbiamo pensato che se c’erano James Wan e Jason Momoa, avrebbe dovuto esserci anche Amber Heard. 

Siamo consapevoli di ciò che sta accadendo su Twitter, ma ciò non significa che si debba reagire o prenderlo come vangelo o acconsentire ai desideri dei fan. Bisogna fare ciò che è giusto per il film, ed è proprio quello che abbiamo fatto.

Le riprese di Aquaman 2 sono iniziate da poco, così come annunciato dal regista James Wan su Instagram qualche mese fa. Il primo capitolo dedicato al Signore di Atlantide ha ottenuto un successo gigantesco divenendo il ventitreesimo maggior incasso della storia del cinema avendo superato abbondantemente il miliardo di dollari guadagnati al botteghino.

LEGGI ANCHE:  Aquaman 2, il ruolo di Heard ridotto a causa di chimica con Momoa

Vedremo se questo sequel che i fan stanno minacciando di boicottare ormai da mesi (qui i dettagli) riuscirà a eguagliare o almeno avvicinarsi a questo incredibile risultato. Vi terremo aggiornati.

Cosa ne pensate di queste parole di Peter Safran? Siete d’accordo con lui?