Animali Fantastici: condannato per violenza sessuale l’attore Kevin Guthrie

Animali
Condividi l'articolo

In Animali Fantastici Kevin Guthrie era il supervisore Tina e Queenie

Brutte notizie per Kevin Guthrie, l’interprete del personaggio di Abernathy nel primo film della saga di Animali Fantastici tratta dall’universo di J. K. Rowling. Davvero brutte perché l’attore è stato condannato per gravi accuse di violenza sessuale. Ora Guthrie si trova di fronte la prospettiva di tre anni di prigione come pena comminata per il reato.

Il fattaccio è avvenuto a Glasgow, nel 2017, ai danni di una donna di 29 anni con la quale si doveva incontrare assieme all’attore Scott Reid nell’appartamento di quest’ultimo. La donna stava poco bene e Reid l’ha lasciata da sola nella stanza per andare a chiamare la linea di aiuto medico. E di questo Guthrie ha approfittato.

L’accusa sostiene che la donna ricorda che il suo reggiseno è stato rimosso e che Guthrie ha iniziato quindi ad abusare di lei attraverso vari atti sessuali, cessando il tutto al ritorno di Reid nella stanza. Guthrie ha sostenuto di averla semplicemente “aiutata”, ma il suo DNA è stato trovato all’interno delle mutandine della donna e questo ha consentito di giungere in fretta alla sentenza di colpevolezza.

Kevin Guthrie dovrebbe apparire secondo IMDB nel prossimo film di Animali Fantastici, in uscita nel 2022. Tuttavia, dopo quanto avvenuto è molto improbabile che il suo ruolo venga riconfermato, specie considerando in che modo Johnny Depp è stato già escluso dal casting per motivazioni (accampate) non troppo lontane da queste. Al momento infatti Warner Bros. conferma che non ci sarà.

Fonte: Deadline

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.