BROCKHAMPTON – Roadrunner: New Light, New Machine | RECENSIONE

I BROCKHAMPTON rappresentano l'eccellenza del rap di oggi: colorato, eclettico, multiforme, equilibrato

BROCKHAMPTON
Credits: BROCKHAMPTON / YouTube
Condividi l'articolo

I BROCKHAMPTON conquistano la scena rap del 2021 con un altro album fantasioso ed eclettico

Inutile girarci intorno: nel giro di quattro anni (QUATTRO) i BROCKHAMPTON sono diventati una garanzia nella musica rap di oggi. E non solo. La creazione di Kevin Abstract si riconferma, disco dopo disco, una delle realtà musicali più valide della contemporaneità. Il loro nuovo album, Roadrunner: New Light, New Machine, ne è l’ennesima prova.

Quello di Abstract è del resto un mostro a molte teste, in vari sensi, che come tale non può non funzionare. Basta dare un’occhiata al corposo casting di autori e produttori coinvolti nel disco per capire come, già in partenza, il progetto sia studiato per riuscire. Come un film blockbuster di Hollywood.

Ed è questo, in un certo senso, ciò che ogni disco dei BROCKHAMPTON si rivela essere ogni volta di più. Un connubio preciso di generi, che mantenendosi sul rap coinvolge R&B, soul, rock, lo-fi, bedroom pop, elettronica e persino gospel (in Dear Lord, penultima traccia). Un caos ma con ogni elemento al posto giusto.

LEGGI ANCHE:  Iridescence, il nuovo passo avanti dei BROCKHAMPTON

Il disco non è mai troppo aggressivo né mai troppo rilassato. Le canzoni sono concise, su basi mirate, accuratamente costruite come strutture architettoniche e sfruttate con l’arte della ripetizione tipica del genere. Che, però, in molti casi nel rap stanca, annoia o confonde: non questa volta.

I pezzi migliori vedono i BROCKHAMPTON avvicendarsi nella narrazione di storie che vanno da intrighi quasi inquietanti (Windows, che sembra un pezzo di Tyler, The Creator) ad onestissime confessioni (The Light, Pt. II). C’è spazio per tutto: ogni pezzo è potenzialmente convincente ma i picchi si toccano con Don’t Shoot Up the Party, What’s the Occasion e Count on Me.

Vanno contate anche le prime due tracce, che subito sparano le bombe dei due featuring più notevoli: Danny Brown, in Buzzcut; e JPEGMafia, in Chain On. Nel resto dell’album compaiono anche, tanto per fare qualche nome, Shawn Mendes, A$AP Rocky e Rex Orange County. In definitiva, il disco rappresenta l’eccellenza del rap di oggi: colorato, eclettico, multiforme, equilibrato.

LEGGI ANCHE:  I BROCKHAMPTON si sciolgono: l'annuncio su Instagram [FOTO]
BROCKHAMPTON – Roadrunner: New Light, New Machine / Anno di pubblicazione: 2021 / Genere: Rap
RECENSIONE
VOTO:
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.