Cosa succede al cervello se non si ascolta musica? La scienza risponde

Immaginatevi di non ascoltare musica per giorni, magari settimane. Qualcuno ci ha provato ed ecco cosa gli è successo.

Cervello
Bart Simpson nell'episodio dei Simpson "Bart Gets Famous", S05E12, 1994

Quali sono gli effetti sul cervello di una prolungata “astinenza” da musica? Le risposte ce le dà uno studio universitario

Parla Trevor Cox, studioso di acustica all’università di Salford, a Manchester. Studiando gli effetti sul cervello di una lunga assenza della musica tra i suoni quotidianamente percepiti, il professor Cox è giunto ad alcune conclusioni interessanti, dimostrando quanto la musica sia davvero importante nella nostra vita. Eccole.

Primo: dopo alcuni giorni senza ascoltare musica, Cox ha iniziato a sentire nella propria testa un miscuglio di vari “earworms”, motivi sonori già presenti che si mescolavano tra loro senza un senso logico. Nel suo caso il miscuglio comprendeva la colonna sonora di Airplane! (1980), Eine Kleine Nachtmusik di Mozart e delle parti di sassofono.

Secondo: l’irresistibile tentazione di fischiettare o canticchiare con la bocca. In assenza di musica, a quanto pare il corpo cerca di sopperire a questa mancanza da sé, proprio come facciamo sotto la doccia o in alcuni momenti di distrazione durante una giornata qualunque.

Una performance di 4’33” di John Cage, composizione studiata per portare il silenzio e costituita dai rumori d’ambiente percepiti per la durata dell’esecuzione

Terzo: una grande stanchezza. Senza musica il “sistema di ricompensa” del cervello manca di molti stimoli e ciò può causare debolezza e affaticamento. Questo tuttavia non vale per tutti: studi hanno dimostrato che alcune persone anedoniche, prive cioè di interesse per attività normalmente piacevoli, non traggono questi benefici dalla musica.

Quarto: per non ascoltare musica bisogna diventare una specie di eremiti. Una conclusione abbastanza logica: anche ritirandosi nel fitto di un bosco isolato, si potrebbe sentire il cinguettio degli uccellini. O in mezzo al mare, il canto delle balene o dei delfini. E così via. Impossibile non sentire mai musica.

Quinto: è facile ignorare la musica, perché è ovunque. Il nostro cervello non ci fa caso finché non ne è privato, ma la musica si può trovare praticamente in ogni luogo, girando in città o per strada. Semplicemente, come anche nel caso di semplici rumori, si tende a non farci caso.

Fonte: BBC

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Sente, la Scimmia fa.