Breaking Bad: svelato il Vero Significato del nome Walter White

In un'intervista del 2011, Vince Gilligan ha spiegato i motivi che lo hanno portato a chiamare il protagonista di Breaking Bad Walter White

Breaking Bad
Breaking Bad Film

Sono passati oramai 7 anni dalla conclusione di Breaking Bad, eppure la serie che racconta le avventure di Walter White & Co. rimane uno dei prodotti più amati al mondo, esattamente come il suo spin off diretto, Better Call Saul (Leggi qui la nostra recensione della quinta stagione). Col passare del tempo, i milioni di fan scavano alla ricerca di curiosità riguardanti questo o quell’altro aspetto di Breaking Bad. Uno di questi quesiti, spesso rimasti irrisolti, riguarda proprio il nome del protagonista. Perché proprio Walter White? A rispondere questo quesito è intervenuto nel 2011, a cavallo tra la terza e la quarta stagione, Vince Gilligan in persona, creatore e showhrunner della serie. In un’intervista con Vulture, l’uomo ha spiegato come, nella creazione del suo personaggio, stesse cercando un nome che fosse insipido, ma che riuscisse comunque a rimanere piantato nella mente di chi lo ascoltava.

Walter White mi ha attirato per il suo suono allitterativo e perché è stranamente insipido, eppure ti rimane nella testa – ha spiegato Gilligan – Lo sai, il bianco è il colore della vaniglia, della dolcezza

Nella stessa intervista lo showrunner ha spiegato come, nella creazione delle scene e dei personaggi, grande importanza è sempre stata riposta nell’uso dei colori, anche dei vestiti indossati, che avrebbero dovuto in qualche modo rimandare allo stato del personaggio. Per questo motivo si è deciso a monte che Marie, la moglie di Hank, avrebbe dovuto amare il viola poiché è il colore della regalità. Quindi la scelta di White per il cognome del protagonista voleva, fin da subito, rimandare all’insipidità della vita di Walt prima dell’inizio di Breaking Bad.

Eravate a conoscenza di questa curiosità? Ci sono altre cose che vi siete sempre chiesti? Fatecelo sapere nei commenti.

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com!