Home Cinema Venezia 76: The perfect candidate, la recensione

Venezia 76: The perfect candidate, la recensione

Il nuovo film di Haifaa al-Mansour sbarca al Lido.

The perfect candidate segna il ritorno della regista ai temi fondanti della sua produzione. Dopo la parentesi occidentale di Mary Shelley e Nappily Ever After, Haifaa al-Mansour si rivolge di nuovo alla sua terra e alla sua cultura. Torna a guardare con amore alla tradizione araba e islamica, sottolineandone però i drammi e le contraddizioni sociali. Da uno di questi prende vita il soggetto di The Perfect Candidate. Riallacciandosi direttamente a quello che è considerato finora il suo miglior film, La bicicletta verde, e continuando la battaglia per il genere femminile che la contraddistingue in tutta la sua poetica, l’occhio della al-Mansour torna a guardare la condizione della donna nella società musulmana.

La protagonista Maryam (Mila Alzarhani) è un medico molto competente, che lotta con infaticabile energia contro i dogmi della società in cui vive. Ogni giorno porta con sé il fardello a cui è costretta in quanto donna, che la mette in discussione persino come dottore, complicando la già grave situazione della clinica in cui lavora. Così, finendo quasi per errore coinvolta nella nuova tornata elettorale del suo consiglio comunale, decide di intraprendere una strada piena di ostacoli nella politica, per portare all’attenzione di tutti problemi ben più grandi della causa che ha portato nella sua campagna. Si troverà infatti di fronte al pregiudizio, e al giudizio, del patriarcato islamico, che non la considererà degna di essere ascoltata, votata, eletta.

Il film racconta le numerose sfide a cui Maryam tiene coraggiosamente testa.

Ad accompagnarla nella sua difficile traversata ci sono però solo le sue sorelle. Ancora vivo è il dolore per la recente scomparsa della madre, mancanza interessante in un film incentrato sulle donne, e che marca la distanza con La bicicletta verde. Il racconto dell’emancipazione non lascia spazio in questo caso alle declinazioni famigliari della donna, che viene ritratta nella sua essenza più assoluta. Né la protagonista vuole assumere in sé certi connotati, portando avanti una battaglia che esula completamente dal contesto famigliare. A sua volta infatti il padre proprio in quel periodo è in viaggio per una serie di concerti. Anche lui, per onore della sua arte, si trova a combattere le illogiche sfide di un regime che fino a quel momento aveva posto la censura sulle esibizioni pubbliche.

Si tesse allora un filo rosso che collega l’arte con la vicende di Maryam, indissolubilmente intrecciate fino alla fine dell’opera. The perfect candidate vede nella musica, e in generale nel patrimonio artistico, un terreno fertile per la modernizzazione del paese tanto quanto lo sono donne come la protagonista. Ad accomunarli lo stesso spirito di ribellione nei confronti di diktat oggi messi sempre più in crisi dal confronto con il resto del mondo globalizzato, piccolo e lontano nello schermo degli smartphone.

The perfect candidate

Così, in The Perfect Candidate, l’Occidente è visto dall’altra parte del binocolo.

The Perfect Candidate sceglie di immergere completamente lo spettatore nella cultura araba proprio attraverso la musica. Quello che all’inizio rappresenta quasi uno shock culturale per via del sistema sonoro totalmente diverso dal nostro, diventa poi il mezzo espressivo che caratterizza le sequenze migliori del film. Ad illuminarle talvolta tinte ammiccanti ad un certo gusto pop per la fotografia, che certo contrastano con la luce naturale degli esterni, la quale ricorda e si riallaccia agli esordi documentaristici di Haifaa al-Mansour.

Il film contribuisce nel suo piccolo a cambiamenti di natura epocale. Ci mette di fronte al paradosso e all’assurdo quando la candidata Maryam, che deve trasformarsi in simbolo di immediata e evidente riconoscibilità, è costretta a presentarsi ai suoi lettori con il volto bendato. Purtroppo però, a scapito dell’importanza del tema, la regista non riesce sempre a creare un ritmo narrativo adeguato alla forza di Maryam, e la conduzione complessiva del film, di certo non posta a particolari sfide, non risulta particolarmente brillante. Film come The Perfect Candidate rimangono però importantissimi, soprattutto in questi festival, per la sensibilità con la quale sono capaci di affrontare questioni ben più grevi della leggera ma sempre spavalda musica del padre della protagonista, specchio dell’animo ardito e passionale di Maryam.

 

da leggere

Zoë Kravitz nel trailer di Alta Fedeltà [VIDEO]

Zoë Kravitz nella serie evento che riprenderà lo spirito pop dell'opera di Hornby Zoë Kravitz sarà, come già...

Pop X: nuovo singolo “D’Annunzio” oggi a mezzanotte

Il singolo prelude il nuovo album dei Pop X Se steste già tenendo d'occhio il profilo Instagram dei...

Benny Hill, l’altra faccia del comico: soldi, sesso e solitudine

Era il 21 gennaio del 1924, a Southampton, nasceva Alfred Hawthorn Hill, meglio conosciuto come Benny Hill. Amatissimo comico inglese, fece la sua fortuna...

Bon Iver live in Italia nel 2020 [DATA]

Justin Vernon torna nel nostro paese con i Bon Iver Uno dei gruppi più importanti e significativi dell'intera...

Recita una poesia a Paolo Bonolis in sardo, ma è una maledizione [VIDEO]

Qualche giorno fa, durante la trasmissione Avanti un altro, condotta da Paolo Bonolis, ha partecipato un sorridente ragazzo sardo, Giovanni. Prima di iniziare la...