Tash Sultana e le cicatrici nel suo primo disco, Flow State

1
370

Tash Sultana esce allo scoperto con il suo primo album ufficiale, che sa ancora di strada. Con qualche cicatrice e qualche strumento in più.

La forza di ogni disco, sia esso un capolavoro o no, è riuscire a disegnare nella mente dell’ascoltatore una situazione ben precisa, di auto-crearsi lo scenario adatto alla musica che vi è incisa sopra. Il primo disco di Tash Sultana, Flow State, uscito il 31 agosto per Lonely Lands Records, non fa eccezione, ma l’immagine che dipinge è ben diversa da quella che ci si potrebbe aspettare.

Tash (all’anagrafe Natasha) Sultana ha ventitré anni, e da circa sei anni è riuscita ad uscire dal tunnel della droga grazie alla musica. Durante la terapia di disintossicazione ha imparato a suonare più strumenti possibile (attualmente ne suona dodici) e ha cominciato a suonare per strada, solo con una chitarra e una loop station. Dopo aver caricato su YouTube alcuni video in cui eseguiva dei brani da lei composti, la fama le si è rovesciata addosso: ha rilasciato l’EP Notion nel 2017 (completamente registrato da sola) e ha intrapreso un tour mondiale ancora in corso.

Risultati immagini per tash sultana

Come aspettarsi, quindi, un disco verace che profumi di busking?

L’album è attraversato da un alternative rock con sfumature reggae e psichedeliche, che si infila in ogni brano con gli stessi giri di accordi sentiti centinaia di volte. Il primo segnale dell’inguaribile animo da busker di Tash è proprio la struttura fondamentale dei pezzi: giri armonici semplici, diretti e accattivanti, loop di tastiere (Salvation, primo singolo estratto dall’album), strumming su chitarre acustiche o schitarrate piene del riverbero ‘bagnato’ tipico del surf rock, sul quale andare ad incidere due, tre, otto ulteriori linee di chitarra, tastiera, tromba con la loop station. La sezione ritmica è affidata alla drum machine, con cassa profonda e ritmi serrati dall’inizio alla fine del pezzo.

Anche i lunghi assoli al termine di ogni brano, non troppo sofisticati ma anch’essi efficaci e diretti, e gli improvvisi cambi di ritmo (la sfuriata finale in Cigarettes, la strimpellata arabeggiante in Blackbird) ci portano tra le strade di Melbourne insieme ad una Tash Sultana a piedi nudi che, rapita dall’estasi artistica, delizia i passanti. Con le sue ferite ormai rimarginate e un tripudio di strumenti, che se potesse suonerebbe tutti contemporanemente. Non parliamo di vere e proprie improvvisazioni, ma la sensazione è proprio quella: sembra che Tash stia suonando ogni singola nota di ogni singolo brano per la prima volta proprio davanti a noi.

Questo disco è la redenzione della giovane australiana.

Tredici pezzi che raccontano la storia più difficile da raccontare: la terapia e i nove mesi di inferno che Tash Sultana ha passato a causa di un “trip” finito male. Il disco si apre con l’inquieta Seed (Intro) e chiude con un’ Outro rilassata da ascoltare stesi all’ombra di un albero, ormai in pace con sé stessi.

Risultati immagini per tash sultana

Tash Sultana ci ha portato un pezzo di marciapiede di Melbourne nelle cuffie. Psichedelia e reggae fusi insieme, con un tocco di improvvisazione e soprattutto con qualcosa da dire. I testi sono flussi di coscienza riordinati e, ancora una volta, sono diretti; così come la sua voce, a tratti nasale e vellutata, che articola linee sognanti e oniriche. 

Un album pieno di anima e di cuore, ingredienti che non possono che funzionare, specie se abbinati ad una buona storia da narrare. Questo disco non sarà un pilastro della musica, ma è arte allo stato puro.

Qualsiasi cosa volesse dirci Tash Sultana, ce l’ha fatta.

Il disco è di una schiettezza disarmante: arriva subito al punto, e gli innumerevoli licks che contornano le basi minimal dei pezzi non sono inutili giri di parole ma incisi, precisazioni e note al testo. Flow State è un disco che parla ancora di asfalto e di ferite. E anche questo urlo liberatorio in tredici parti è stato scritto e registrato solo da Tash Sultana. Flow State parla, ma solo Tash riesce a dialogarci. A noi non rimane altro che ascoltarli.

Risultati immagini per tash sultana flow state

Anno di pubblicazione: 2018
Genere: Alternative Rock

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here