Home Musica Django Django - Recensione Marble Skies

Django Django – Recensione Marble Skies

Il terzo album dei Django Django è come i precedenti. Ma non è un male.

Il quartetto inglese Django Django aggiunge un nuovo capitolo alla propria saga neo-psichedelica. Bentornati nel deserto, tra melodie arabeggianti, atmosfere oniriche, intrecci vocali eterei.

Marble Skies, nella carriera dei Django Django, non aggiunge nulla; nè, effettivamente, toglie nulla. Si registra un aumento di presenza di strumenti elettronici, synths e tastiere. Ma per il resto il disco prosegue coerentemente la strada già tracciata dai predecessori. Sarebbe a dire che i Django Django non sembrano interessati per il momento ad un’evoluzione musicale.

Tuttavia, sono abbastanza giovani e creativi da poterselo permettere. Infatti, anche se l’album non brilla per originalità, le canzoni ci sono e funzionano. Innanzitutto i singoli, Tic Tac Toe e In Your Beat, scelti sapientemente. Poi anche varie tracce sparse nell’album, soprattutto Champagne, Sundials, Fountains. L’insieme, in virtù della propria coerenza, funziona bene e senza sbavature.

Il carattere dominante è sempre quello della “psichedelia/western” alla quale il quartetto ci ha già abituati nei precedenti lavori. L’aria è calda, le chitarre riffeggiano, le percussioni incalzano, le tastiere incidono. Non c’è mai un momento debole, ed ogni singola canzone è potenzialmente valida.

Se quindi, da una parte non si può parlare di un miglioramento o di un’evoluzione, dall’altra i Django Django appaiono ancora una formazione salda e tranquillamente capace. In definitiva, il fan medio della band troverà sicuramente in Marble Skies di che sollazzarsi.

Per gli altri, Marble Skies è esattamente quello che dovrebbe essere: l’ultimo album dei Django Django. E come tale, non riserva sorprese. Ma forse non è la sorpresa l’elemento chiave dello stile di questo gruppo. Capito questo, Marble Skies è un ottimo terzo disco.

https://open.spotify.com/album/61rOk6XQluHCZmn5Htw8ET

Anno di pubblicazione: 2018
Genere: Rock Psichedelico

Andrea Campana
Nato a Palmanova il 26 ottobre 1989, vivo ad Aquileia. Sono autore, scrittore, critico musicale e social media manager. Laureato al DAMS di Gorizia e conseguita laurea magistrale in Discipline della musica, dello spettacolo e del cinema/Film and audiovisual studies. Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos.

da leggere

Ecco perchè Adam Sandler è stato escluso dagli Oscar 2020

Continuano le polemiche riguardanti le nomination agli Oscar 2020 (vedi la lista completa QUI). Dopo quelle mosse dallo sceneggiatore John Francis Daley ai danni di...

Junior Cally, rapper Sanremese accusato di misoginia

Scoppia la polemica su Junior Cally, prossimo partecipante a Sanremo 2020 Nulla da fare, le controversie non si...

I Doors suoneranno con Krist Novoselic

Uno show di beneficenza con i due Doors rimasti e Krist Novoselic dei Nirvana Due generazioni musicali si...

Oscar 2020, uno sceneggiatore Marvel attacca Joker e promuove Sandler

Joker (leggi qui la nostra recensione) è il film che ha ottenuto il maggior numero di nomination ai prossimi Oscar 2020 (vedi la lista...

Hachiko, la straziante Storia Vera dietro il film

Se c'è una storia che possa provare la veridicità del motto il cane è il miglior amico dell'uomo, questa è la storia di Hachiko. Resa...