10 legal movies da non farsi sfuggire

Condividi l'articolo

10 legal movies – Giudici, giuria, avvocati… oggi parliamo di pellicole ambientate in tribunale. Ce ne sono per tutti i gusti, dal thriller avvincente alla commedia con nozioni di giurisprudenza. Trovate i 10 legal movies in ordine cronologico, dal più datato al più recente.

Testimone d’Accusa di Billy Wilder (1957)

10 legal movies

Sir Wilfrid Robarts è un avvocato penalista di successo. Purtroppo il tempo non è dalla sua parte, e torna al lavoro dopo una convalescenza in seguito ad un infarto. I medici ovviamente sconsigliano caldamente ogni stress, di conseguenza anche cause penali. Nemmeno a farlo apposta, si presenta alla sua porta un caso affascinante: Leonard Vole, un uomo povero e senza progetti, è accusato di aver ucciso una ricca ereditieria di sua conoscenza, Emily French. La testimonianza della moglie dell’uomo, Christine Helm, è fondamentale per la salvezza di quest’ultimo. La situazione diventa più spinosa quando Leonard scopre che la vittima gli ha lasciato in eredità 80.000 sterline. Un film eccezionale che si regge in gran parte sulle interpretazioni dei protagonisti e ci conduce ad un epilogo sensazionale. Ma veniamo al cast: Charles Laughton (Sir Wilfrid Robarts), Marlene Dietrich (Christine Helm), Tyrone Power (Leonard Vole), Elsa Lanchester, John Williams. Una nota particolare bisogna dedicarla all’interpretazione di Marlene Dietrich: immensa e irripetibile. Il vero Cinema di una volta, senza effetti speciali e virtuosismi di regia superflui. Il film è tratto da un romanzo di Agatha Christie, e da qui possiamo comprendere la tensione ben costruita che rende Testimone d’Accusa un film più che avvincente.

‘Non svengo mai perché non sono sicura di cadere con grazia, e non annuso i sali perché mi si gonfiano gli occhi.’

10 legal movies da non farsi sfuggire

LEGGI ANCHE:  Philadelphia, Tom Hanks: "Oggi non interpreterei un uomo gay"

La Parola ai Giurati di Sidney Lumet (1957)

10 legal movies

Il film si svolge in una stanza, dove 12 membri di una giuria si riuniscono per decidere il verdetto di un processo. Gli uomini non sanno nulla l’uno dell’altro, nemmeno i nomi. A poco a poco però le loro vite e i loro trascorsi emergeranno all’interno del dibattito. Le sorti di un uomo sono nelle mani di sconosciuti. Prendere una ferma decisione non è facile come sembra, è necessaria l’unanimità. Inizialmente la situazione sembra rilassata, ma dopo poco tutto si ribalta. Primo lungometraggio di Lumet, semplicemente meraviglioso. In particolare il personaggio di Henry Fonda (il giurato n°8) è fondamentale e scritto egregiamente. Nel 1958 il film ricevette tre nominations agli Oscar e nel 2007 è stato inserito nella classifica dei migliori cento film americani di tutti i tempi.

‘Voi benpensanti siete tutti uguali. Vi date sempre da fare per chi ha torto marcio.’