I Dossier della Scimmia: Rocket

Nome: Rocket Raccoon

Film: Guardians of the Galaxy

Luogo di nascita: Mezzomondo (Quadrante Keystone)

Professione: Cacciatore di taglie

Frasi Celebri: “Groot, we’re gonna be rich.”

 

Rocket è uno dei personaggi più pittoreschi e importanti del film “Guardians of the Galaxy diretto da James Gunn e uscito nelle sale nel 2014. È il decimo film del Marvel Cinematic Universe e nel 2015 ottenne due candidature ai Premi Oscar per i migliori effetti speciali e per il miglior trucco. Il sequel, “Guardians of the Galaxy Vol. 2”, è stato distribuito in Italia il 25 aprile 2017.

Rocket è un procione geneticamente modificato che vaga per la Galassia in cerca di fuggitivi e ricercati, con l’obiettivo di catturarli e riscuotere la taglia pendente sulla loro testa. In questa attività di cacciatore di taglie è affiancato da un formidabile braccio destro di nome Groot; un albero umanoide dotato di una potenza straordinaria e disposto a tutto pur di proteggerlo.

Rocket, oltre ad eccellere nell’uso delle armi da fuoco, è un ottimo meccanico, un fenomenale pilota di navicelle spaziali e un abile stratega: pare sia evaso di prigione ben 22 volte. È fondamentalmente un personaggio molto “diretto”, senza scrupoli e il cui unico interesse è quello di monetizzare il più possibile. Un giorno, mentre si trova su Xandar (capitale dell’Impero Nova), si imbatte in Star-Lord, un cane sciolto su cui pende una taglia di 40.000 unità in quanto accusato di aver rubato l’Orb, un’arma a forma di sfera con una potenza distruttiva oltre ogni limite. Senza saperlo, Rocket e Groot, si immischieranno in una storia molto più grande di loro e, dopo esser stati catturati dai Nova Corps, verranno condotti a Kyln (un carcere spaziale di massima sicurezza) assieme allo stesso Star-Lord e a Gamora; un’aliena dalla pelle verde anch’essa a caccia dell’Orb. Riuscirà Rocket ad evadere per l’ennesima volta di prigione o passerà lì il resto dei suoi giorni?

Sean Gunn ha studiato a lungo dei veri procioni per riuscire a cogliere l’essenza del personaggio e per fare in modo che non risultasse un cartone animato. Gunn ha interpretato il personaggio sul set e alcune espressioni facciali di Bradley Cooper (che presta la voce a Rocket) sono state registrate per aiutare gli animatori. Lo stesso regista ha rivelato che è stata fatta un’audizione anche a Danny DeVito, la cui voce però, risultò essere troppo “attempata” per le caratteristiche del personaggio. “Guardians of the Galaxy” è una pellicola che mescola alla perfezione humor (non demenziale) e azione, risultando probabilmente il più riuscito di quelli riguardanti “L’Universo Marvel”.