Home Cinema Oscar 2017: la fotografia di Silence

Oscar 2017: la fotografia di Silence

“Io prego ma sono sperduto. Alla mia preghiera risponde il silenzio.”

Il dramma sulla fede di Martin Scorsese si presenta tra i candidati all’Oscar per la Miglior Fotografia, quest’ultima a cura di Rodrigo Prieto (noto per aver collaborato insieme ad Inarritu prima che quest’ultimo ingaggiasse Lubezki).
Premessa: Il film è stato girato su pellicola, eccetto le scene notturne o con scarsa presenza di luce che sono state invece girate in digitale.
La fotografia non è fuori dagli schemi, vengono utilizzati colori chiari (eccetto nelle scene notturne), prevalentemente bianco, blu e arancione;

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rodrigo Prieto durante la lavorazione del film ha spiegato a cosa si siano ispirati lui e ‘Marty’ (Martin Scorsese) per i colori nel film:

C’è una progressione nella colorazione del film. Siamo stati ispirati dallo stile Barocco, partendo da toni più freddi -blu e azzurri- e andando avanti verso il verde della natura, come se fosse uno dei personaggi principali. Poi ci siamo mossi verso uno stile più “giapponese”, usando toni di ambra, giallo e sfumature di color oro che rappresentano la stessa arte visiva giapponese durante il Periodo Edo.

Ciò che veramente esalta il film, creando dei veri e propri quadri è l’accurata composizione, ogni quadrante viene “riempito”, e nessuno viene tagliato fuori;


Pronunciato e iconico è anche l’uso della regola dei terzi;

Questo slideshow richiede JavaScript.


Scorsese e Prieto durante le scene più “spirituali” riprendendo in dettaglio le mani del soggetto;


Scorsese oltre a questo utilizza panoramiche e campi lunghi o lunghissimi, valorizzando l’ambientazione e sottolineando quanto piccole siano le loro vite in confronto a ciò che li circonda. Difatti Prieto ha dichiarato:

“Abbiamo usato lenti anamorfiche perchè non distorcono l’immagine. Non volevamo ‘addolcire’ il film, ma far sentire lo spettatore come se fosse lì con i preti e con l’ambiente, con il caldo.”


Il lavoro dietro Silence è stato grande. Il progetto risiedeva da diversi anni nella mente di Martin Scorsese, e la trasposizione non può passare inosservata. Tecnicamente a livelli altissimi, Scorsese e Prieto riescono a creare qualcosa di prezioso e ben studiato. Una menzione va anche al nostrano Dante Ferretti, che si è occupato dei costumi.

da leggere

Ecco perchè Adam Sandler è stato escluso dagli Oscar 2020

Continuano le polemiche riguardanti le nomination agli Oscar 2020 (vedi la lista completa QUI). Dopo quelle mosse dallo sceneggiatore John Francis Daley ai danni di...

Junior Cally, rapper Sanremese accusato di misoginia

Scoppia la polemica su Junior Cally, prossimo partecipante a Sanremo 2020 Nulla da fare, le controversie non si...

I Doors suoneranno con Krist Novoselic

Uno show di beneficenza con i due Doors rimasti e Krist Novoselic dei Nirvana Due generazioni musicali si...

Oscar 2020, uno sceneggiatore Marvel attacca Joker e promuove Sandler

Joker (leggi qui la nostra recensione) è il film che ha ottenuto il maggior numero di nomination ai prossimi Oscar 2020 (vedi la lista...

Hachiko, la straziante Storia Vera dietro il film

Se c'è una storia che possa provare la veridicità del motto il cane è il miglior amico dell'uomo, questa è la storia di Hachiko. Resa...