10 Film da vedere se hai amato Euphoria [LISTA]

Consigli cinefili per i fan di Euphoria e di Zendaya!

Condividi l'articolo

10 Film da vedere se hai amato Euphoria

Breakfast club – John Hughes (1985)

Breakfast club, euphoria
Breakfast Club

L’epica generazionale tra i corridoi delle high school americane ha tanti padri, ma pochi film hanno catturato la base del concetto come questo mega classico di John Hughes, film-manifesto di una filmografia dall’influenza incalcolabile.

Conciliante e in fondo nostalgico, è ben diverso dai drammi sensazionalistici cui si ispira la serie di Levinson; in primo luogo, Breakfast Club costituisce le fondamenta per ogni teen movie venuto dopo – ma anche una tappa fondamentale per quella revisione semi-autobiografica del genere a suo modo avviata da American Graffiti. Disponibile da qualche mese anche sul Netflix italiano.

Al di là di tutti i limiti – Marek Kanievska (1987)

Al di là di tutti i limiti

Altro padrino dell’annichilimento anzitutto mentale dei figli della società dei consumi post-ideologica alla deriva, è sicuramente Bret Easton Ellis.

Nella specie di scombinata autobiografia orrorifica che è la sua produzione, l’esordio dello scrittore americano è però più assimilabile ad un personale e contenuto racconto di perdita d’innocenza liceale piuttosto che agli eccessi postmodernisti cui avrebbe in seguito abituato il suo pubblico.

Meno di Zero arriva al cinema come Al di là di tutti i limiti, con il giovanissimo Robert Downey Jr protagonista – volto che per un decennio abbondante della perdizione diventerà sinonimo.

Kids – Larry Clark (1995)

Kids

Sulla scia del rinato indie americano dei primi anni ’90, l’estetica para-grunge del periodo partorisce un discreto numero di lungometraggi dedicati alla sempre più annoiata e smitizzata quotidianità della suburbia (forse il grande tema di un decennio mai così ricco di ragazzi terribili e satiriche famiglie disfunzionai).

Il vero punto di svolta è però forse l’esordio della coppa Clark-Korine, duo di collaboratori per caso che avrebbe in seguito declinato il tema fino all’estremo, spesso in direzioni divergenti. In scena per Kids, tanti giovanissimi futuri divi, nel vero manuale del moderno teen drama scandalistico.

Ken Park – (2002)

Ken Park

Se Kids restava tutto sommato saldamente legato ad una tradizione cinematografica ben nota e codificata (quella della Scuola di New York, dunque di Cassavetes e Shirley Clarke, ma anche dei primi Scorsese e Ferrara), è la successiva incarnazione della poetica di Clark che maggiormente si avvicina a quello che sarà il suo vero pubblico per gli anni a venire.

Per Ken Park si ritorna, per così dire, “in interni”: non più i giovani alla deriva nel degrado delinquenziale e metropolitano newyorkese, ma gli interni suburbani, borghesi e narcotizzati della middle class californiana. Altro manuale chiave.

1
2
3
(Roma, 1993) Lavora nei campi dell'editoria e della produzione audiovisiva. Scrive e collabora tra gli altri con Point Blank, Nocturno e Cineforum.