Joker, il regista Todd Phillips spiega il criptico finale

Joker

Tra i film più chiacchierati dell’anno, per non dire del decennio, troviamo sicuramente il Joker diretto da Todd Phillips e interpretato da Joaquin Phoenix. Un film sulle origini di uno dei personaggi più affascinanti nel mondo del fumetto prima e del cinema poi. Proprio Phoenix, in odore di Oscar, ha regalato un’interpretazione a dir poco sublime del personaggio.

L’ascesa nell’inferno personale di Arthur Fleck, vista da quest’ultimo come una vera e propria liberazione, si conclude con un finale a dir poco enigmatico. Al punto che troviamo due interpretazioni totalmente diverse rispetto al finale in questione. Da quella di Joaquin Phoenix a quella del regista Todd Phillips che ha spiegato il suo punto di vista.

ATTENZIONE: l’articolo contiene spoiler sul finale di Joker

Dopo la rivoluzione sociale scatenata dalle gesta di Arthur Fleck, troviamo Gotham a ferro e fuoco. Ecco quindi che la maschera dipinta sul volto di Fleck è diventata un simbolo rivoluzionario. E dopo il balletto sulla macchina della polizia, uno stacco ci catapulta dentro un ospedale psichiatrico. La domanda viene spontanea: è stato internato nel famigerato Arkham Asylum o è sempre stato lì?

Leggi anche: la nostra recensione del film!

L’opzione per cui il film sarebbe in realtà una grande proiezione di una mente malata, non è affatto da escludere visto il protagonista in questione. E per certi aspetti, il regista Todd Phillips sposa questa causa, sottolineando come Arthur Fleck potrebbe non essere il Joker, quanto più una versione dei fatti che un ragazzo qualsiasi sta raccontando ad un dottore qualsiasi. In altre parole, i deliri di un pazzo qualsiasi.

Per molto tempo il regista ha fatto intendere questo suo pensiero. Non a caso, sin dall’inizio delle riprese, Todd Phillips ha spiegato come questo suo Joker fosse una lettura sulle origini di un personaggio del tutto diversa da quanto raccontato dai fumetti originali. Attingendo da capolavori come Taxi Driver e Re Per Una Notte, Phillips ha costruito Arthur Fleck, facendolo firmare come Joker. Un film di origini molto particolare che potrebbe portare a casa qualche statuetta importante.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!