Togliatti Boulevard: Clavdio è tutto quel che ti aspetti dall’indie italiano

Clavdio

Togliatti Boulevard è il primo album del cantante romano Clavdio.

Clavdio è un nuovo elemento della potente scuderia indie dell’etichetta Bomba Dischi, già celebre grazie ai successi di Calcutta, Giorgio Poi, Pop X, Carl Brave, etc.

Il suo primo album Togliatti Boulevard viene preceduto dall’orecchiabile e divertente singolo Cuore. Il linguaggio semplice, l’ironia e il tono confidenziale della voce di Clavdio riescono subito a convincere molti seguaci dell’indie pop italiano (che alcuni oggi chiamano itpop).

Clavdio non è Calcutta. Clavdio non è Giorgio Poi. Clavdio non è Coez. Clavdio è esattamente tutto quello che ti aspetti dall’indie pop italiano. Nel bene e nel male questo nuovo artista romano riesce a sintetizzare e racchiudere nella sua musica gran parte dei pregi, ma anche alcuni difetti, della musica indie contemporanea.

“Ho visto la tua mano strapparmi il cuore
Mi sono accorto che era marrone
Cacao del Cucciolone o forse ancor di più”

Togliatti Boulevard è un album composto da 9 brani, che raccontano il mondo secondo Clavdio.

L’album si apre con il singolo di debutto Cuore che rappresenta l’elemento di maggiore forza del disco. Il tema trattato da tale brano è un classico: la fine di una relazione.

Il testo racconta, attraverso simpatiche immagini e divertenti giochi di parole (vedere la frase “e un cinese mi ha detto che sono un glande, mi sento più un coglione onestamente”), i sentimenti che il protagonista prova nei confronti dell’ex amante.

Dal punto di vista musicale, lo stile del brano è semplice. La base si apre con un riff di piano che accompagnerà tutto il pezzo. Ad esso si aggiungono poi gli effetti del sintetizzatore e leggere percussioni dal ritmo regolare.

Non solo Cuore. Anche gli altri brani funzionano ed esprimono lo spirito indie pop di Clavdio.

Ascoltando la serie di canzoni proposte da Clavdio si possono intravedere decine di sfumature che richiamano lo stile di altri esponenti della scena indie nostrana. A tratti ci avvicina a Calcutta, in altri momenti a Ex Otago, Giorgio Poi e Cimini, passando poi a I Cani e Dente.

“Chi dice no non ti fidare, solo per guardarti il culo ti hanno fatto attraversare. Chi attraversa solamente per farsi guardare il culo, chi attraversa un brutto giorno e non si fida di nessuno”

Ironia, schiettezza e semplicità fanno sempre da protagoniste nei testi di canzoni come Foto, Ricordi e Le tue gambe. Un linguaggio comune, diretto, senza troppi filtri sociali è ciò che contraddistingue lo stile di Clavdio.

“Sulla Togliatti, quanta fila c’è. Tutto il mondo sta andando a puttane, compreso me”

Nonostante talvolta cada in alcuni cliché della musica indie contemporanea (ad esempio l’uso eccessivo di frasi volutamente “alternative” che paiono studiate per ottenere l’approvazione di un certo pubblico), con questo primo album Clavdio dimostra di avere qualcosa da dire e di saper raccontare la realtà secondo un punto di vista originale e divertente.

Ora lo aspetta la prova più difficile: il secondo album. Solo il tempo ci dirà se la nuova scommessa di Bomba Dischi è un altro cavallo vincente o una semplice meteora nel grande e affollato mare di quella che viene definita, talvolta in modo improprio, musica indie italiana.

Togliatti Boulevard – Clavdio
Indie Pop – 2019

Seguiteci sempre su La Scimmia sente, la Scimmia fa.