10 Grandissimi Film Candidati ingiustamente ai Razzie Awards [LISTA]

Il doppelganger dei premi Oscar che non sempre ci azzecca con le nomination.

shining razzie award
Condividi l'articolo

Un’istituzione quasi come i premi Oscar, i Razzie AwardS sono ormai giunti alla quarantesima edizione. Quattro decadi in cui vengono premiati i film peggiori. Come gli Oscar ma al contrario, con annesse polemiche a strascico ma più scherzose e meno indignate.

Può un film brutto vincere un Oscar? La risposta è ovviamente sì. E come loro, anche i Razzie Awards hanno premiato con l’infame lampone d’oro film divenuti quasi nell’immediato vere e proprie icone del genere a cui appartengono o anche del cinema in generale. O più semplicemente, bei film ampiamente rivalutati dalla massa.

Vediamo quali sono i migliori film che hanno vinto un Razzie Award

Batman Begins, Christopher Nolan, 2005

batman begins, razzie award

Anni dopo il dittico firmato dal compianto Joel Schumacher, ci pensa Nolan a riportare in auge la figura di Batman con una trilogia di spessore per il suo genere. Eppure l’esordio non fu dei più felici visto che Katy Holmes fu nominata come peggior attrice non protagonista.

Poco convincente il suo ruolo nei panni di Rachel Dawes. Fu scalzata da Paris Hilton per La Maschera di Cera. Una piccola macchia che non ha sicuramente intaccato l’ampio successo del film nonché di tutta la trilogia.

Rocky IV, Sylvester Stallone, 1985

Rocky IV, razzie award

Un’annata dove Stallone fu decisamente preso di mira. L’iconico Rocky IV fece incetta di premi, perdendo però quello del peggior film e peggior interpretazione maschile, scalzato da un altro personaggio “stalloniano” come Rambo, al suo terzo film.

Poco lungimiranti, la giuria non vedeva di buon occhio l’emblematica massima di Ivan Drago del “ti spiezzo in due“. Tutta colpa della regia di Stallone, premiata senza tanti complimenti, e della presenza di Brigitte Nielsen, che alzò ben due statuette per due ruoli.

Mission: Impossible, Brian De Palma, 1996

razzie award, mission: impossible

Una categoria molto particolare, quella che coinvolse l’acclamato film di De Palma che è praticamente diventato un franchise. Questo primo capitolo riscosse un larghissimo successo, incassando più di cento milioni di dollari. Un progetto ambizioso e riuscito, ragionando con il senno di poi.

Il che appare cosa logica dal momento che De Palma si avvalse di ben tre sceneggiatori premio Oscar come Koepp, Zallian e Towne. Rispettivamente gli scrittori di film come Carlito’s Way, Schindler’s List e Chinatown. Curriculum non sufficiente visto che il film entrò nella categoria “peggior sceneggiatura per un film che ha incassato più di cento milioni di dollari“.

The Blair Witch Project, Daniel Myrick & Eduardo Sánchez, 1999

film a basso budget, razzie award

Anni dopo Cannibal Holocaust, torna di moda il found footage nel cinema horror. Complice una campagna marketing di tutto rispetto, il film riscosse un ampio successo grazie a questa “nuovo” stile di ripresa che rendeva tutto molto veritiero e inquietante.

Tuttavia, la perfida giuria dei Razzie Award trovò nella protagonista un’interpretazione degna di una nomination e di una vittoria finale, superando colleghe come Melanie Griffith, Sharon Stone e Milla Jovovich.

Ace Ventura – L’Acchiappanimali, Tom Shadyac, 1994

ace ventura, razzie award

L’esordio cinematografico di un personaggio come Ace Ventura che lanciò definitivamente Jim Carrey nell’Olimpo dei grandi attori. Eppure, questo film gli valse una candidatura ai Razzie Award come “peggiore nuova star“.

Una candidatura che gli portò fortuna visto che in seguito divenne un attore tanto acclamato quanto richiesto, al punto da diventare il primo comico a guadagnare 20 milioni da un solo film. Piccola curiosità: i selezionatori si accanirono particolarmente su Carrey, candidandolo anche per The Mask e Scemo e + Scemo.

1
2
Classe '89, laureato al DAMS di Roma e con una passione per tutto ciò che riguardi cinema, letteratura, musica e filosofia che provo a mettere nero su bianco ogni volta che posso. Provo a rendere la critica cinematografica accessibile a tutti, anche al "lattaio dell'Ohio".