Mindhunter: David Fincher svela come dovrebbe finire la serie

Ecco quale serial killer dovremmo trovare alla fine di Mindhunter

mindhunter
Condividi l'articolo

Ecco come David Fincher progettava di finire Mindhunter

Come sappiamo la serie Mindhunter è al momento ferma. Il produttore del progetto, David Fincher, si è trovato la porta sbarrata da Netflix a causa dell’alto costo degli episodi e del basso numero di spettatori. Una terza stagione si trova quindi al momento in un limbo: non si sa se si farà, o se sì, quando.

La serie, ambientata negli Stati Uniti alla fine degli anni ’70, segue le vicende di un’unità dell’FBI dedita allo studio psicologico delle personalità criminali come Ed Kemper, Jerry Brudos e, caso eclatante, Charles Manson. Gli agenti Holden Ford, Bill Tench e Wendy Carr operano in questo senso una vera e propria rivoluzione.

Le prime due stagioni della serie hanno seguito finora le vicende professionali e private dei tre agenti, nel loro progressivo sviluppo di un metodo d’indagine che cerchi di approfondire ragionamenti, emozioni e disfunzioni alla base della devianza dei criminali suddetti. Cosa che ha permesso loro di sventare crimini e individuare colpevoli.

LEGGI ANCHE:  Mindhunter: primo trailer della nuova serie Netflix di David Fincher

Nel corso di vari episodi, per pochi momenti, sono state introdotte le gesta di Dennis Rader, noto come il BTK Killer (lo Strangolatore BTK). La sigla, scelta da lui stesso, sta per Blind, Torture, Kill (Accecamento, Tortura, Uccisione). Costui è un serial killer realmente esistente, come gli altri; ed è ancora vivo.

Rader ha ucciso dieci persone a Wichita e a Park City, in Kansas, tra il 1974 e il 1991, spedendo poi alla polizia lettere minacciose che descrivevano i dettagli dei suoi delitti. Dopo essere rimasto “inattivo” per diversi anni, ha iniziato a spedire nuove lettere nel 2004, che hanno portato infine, nel 2005, al suo arresto.

Questa è la figura che, nei piani di David Fincher, dovrebbe essere al centro di un’eventuale terza stagione di Mindhunter. Già nella seconda stagione, di fatto, Rader diventa molto importante ed inizia ad interessare i protagonisti da vicino. Ora c’è solo da capire se questa terza (ultima?) stagione uscirà, prima o poi.

LEGGI ANCHE:  Mindhunter 3, Jonathan Groff: "Se Fincher mi chiama arrivo in un secondo"

Fonte: IndieWire

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia Pensa, la Scimmia fa.

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.