Brad Pitt su Brandon Lee: “Sentiva che sarebbe morto giovane”

Brad Pitt, proprio come Leonardo DiCaprio, ha ricordato un triste e malinconico momento della sua vita. La morte del famoso attore Brandon Lee.

Brad Pitt su Brandon Lee:

Negli ultimi giorni si è tenuta la 72 edizione del Festival di Cannes, molte sono state le interviste fatte, e tra tutte, sono spiccate in particolare le parole di Brad Pitt, che proprio come il suo amico, Leonardo DiCaprio, ha ricordato un triste e malinconico momento della sua vita.

Durante le interviste ai microfoni di Esquire, ha raccontato di quella volta in cui Brandon Lee gli disse che sarebbe morto giovane, proprio come suo padre. L’episodio accadde durante un festa privata, in una notte del 1992.

Ecco le parole rilasciate dall’attore statunitense:

Potrebbe interessarti anche: Leonardo DiCaprio ricorda l’ultima notte di River Phoenix

“Eravamo insieme ad altri amici ad una festa privata, solo che dopo un po’ abbiamo perso questi amici di vista e quando siamo tornati alla festa si erano fatte le sei del mattino. Era una serata come tante altre, ma la passammo a parlare del fatto che Brandon era convinto che sarebbe morto giovane come era capitato a suo padre. Io l’avevo etichettata come una di quelle conversazioni pesanti e impegnate che le persone fanno con le prime luci dell’alba. Ma l’anno dopo accettò di fare Il Corvo.”

Brandon Lee è morto a 28 anni sul set del film Il Corvo, cult degli anni 90 che reso iconica la figura dell’attore e dell’artista marziale statunitense.

Ricordiamo che Brad Pitt, insieme a Leonardo DiCaprio, è il protagonista dell’atteso nono lungometraggio di Quentin Tarantino, Once Upon a Time in Hollywood, in concorso alla 72 edizione del Festival di Cannes. La pellicola sbarcherà nelle sale italiane il prossimo 19 settembre 2019.

Leggi anche: Flavia Vento scrive a DiCaprio: “Tarantino fa film per malati di mente”

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com

CONDIVIDI
Articolo precedenteKurt Cobain e il maglione da 75 mila dollari
Prossimo articoloTutti in piedi per Calcutta – Il film evento
Grande appassionato di Cinema, coltiva la sua passione per la Settima Arte divorando pellicole di ogni genere, da Kurosawa a Bergman, passando da Cronenberg a Mario Bava, fino al cinema Tarantiniano. Il suo regista preferito è Pasolini, il suo film preferito.... Saló o le 120 giornate di Sodoma.