10 film da outsider (secondo ordine di apprezzamento)

Condividi l'articolo

10 film da outsider

Essi Vivono – John Carpenter (1988)

John Carpenter Essi vivono 1988John Carpente porta il concetto di anticonformismo oltre i parametri della realtà oggettiva. Pone il suo personaggio di outsider in un microcosmo fantascientifico, esaltando fino alle estreme conseguenze le idee paranoiche dei complottisti accaniti. John Nada, trasferitosi a Los Angeles, si scopre vivere in un mondo dominato da entità inumane. Essi vivono, si nascondono tra noi, inviando messaggi subliminali volti alla dominazione celebrale. Quella di Carpenter è un’assurda e delirante critica all’era del consumismo sfrenato ed eccessivo. L’economia, le industrie e la pubblicità dominano le nostre vite, soggiogando e sottomettendo la nostra volontà. Una visione fantascientifica di una realtà piuttosto evidente, in cui la figura dell’outsider lotta per riappropriarsi della propria libertà individuale. 

 

Easy Rider – Dennis Hopper (1969)

Easy RiderBilly e Wyatt, personaggi outsider ed anticonformisti per antonomasia. Easy Rider è il film simbolo della nuova Hollywood. Così come è il simbolo di una generazione, a cavallo degli anni ’60  e ’70. Dennis Hopper dà voce al desiderio di libertà dei giovani americani, stanchi dell’oppressione e delle catene della società. Americani di cui gli Easy Rider diventano la personificazione, l’ambizione. Viaggiano liberi nelle sconfinate terre americane. Tuttavia non sono ben visti dalla maggioranza degli americani medi. Sono reietti della società, emarginati, straccioni. Trovano disprezzo e ostacoli dovunque essi vadano.

LEGGI ANCHE:  L'eterno conflitto tra uomo e natura attraverso la cinepresa