Le 10+1 migliori serie HBO

Condividi l'articolo

3. The Wire (2002-2008)

Finalmente siamo giunti al podio e siamo sicuri che porterà grandi dibattiti e critiche. Al gradino più basso troviamo una pietra miliare della HBO e della televisione in genere, ovvero The Wire. Se chiedete a molti appassionati di cinema e televisione il loro personale podio delle serie tv probabilmente vi risponderanno sempre lo stesso: Breaking Bad, I Soprano e The Wire le cui posizioni variano a seconda del soggetto a cui chiedete, ma siate sicuri che molti vi spareranno solo questi nomi. The Wire è una serie magnifica che attraverso la storia di poliziotti e trafficanti di droga dipinge un quadro crudo e realistico della società americana contemporanea in tutti i suoi aspetti sociali con un’escalation che vi terrà incollati fino all’ultima puntata. Se, invece, girate la domanda di prima ai critici di mestiere vi diranno che The Wire è la miglior serie di sempre, e allora perché solo terzo posto? Principalmente perché la scelta è difficile e bisogna trovare dei criteri per classificare prodotti eccellenti, che si equivalgono e che, a volte, per i diversi argomenti trattati non sono paragonabili. Pertanto, la ragione del terzo posto è che The Wire non è mai riuscita ad avere un successo planetario ed ha trovato la sua grandezza soprattutto tra le mura di casa.

LEGGI ANCHE:  Liam Cunningham manda a quel paese un fan di Salvini su Twitter

 

2. I Soprano (1999-2007)

Per molti I Soprano è “La serie tv”, l’anno 0 della televisione, il capolavoro televisivo di ogni tempo. Bene! lo è probabilmente, un’epopea fantastica che non si limita ad indagare sulle cosche mafiose italo americane ma va oltre, analizzando, attraverso le fragilità del suo Boss Tony Soprano, interpretato magistralmente dal compianto James Gandolfini, la natura umana (per citare il collega autore della recensione linkata all’inizio del trafiletto). Allora, vi sorgerà ancora una volta una domanda: perché occupa il secondo posto? Perché il titolo che occupa la prima posizione ha una qualità difficilmente eguagliabile. Pertanto, the winner is

1. The Leftovers (2014-2017)

The Leftovers! perché la qualità difficilmente eguagliabile di cui vi parlavamo e che questa serie possiede è: riesce a farsi guardare ed amare pur non avendo una vera e propria trama. The Leftovers è speculazione filosofica ed incredibilmente non annoia. La scomparsa del due percento della popolazione e l’elemento soprannaturale sono solo il pretesto per aprire dibattiti sulla natura umana, sul significato della vita e sulla ineluttabilità della morte e della perdita. Date il tempo alle persone di sedersi e pensare (processo lento) per tre magnifiche stagioni (mai un calo) e vedrete che The Leftovers, col tempo, diverrà un cult assoluto. Sicuramente la serie più intelligente mai scritta, poiché seppur è lodevole parlare efficacemente di società, mafia, giustizia, distopia è ancora più lodevole parlare dell’Uomo senza cadere in trame definite. Se volete approfondire i motivi che hanno portato The Leftovers al primo posto, vi invitiamo a leggere le  nostre recensioni: qui e qui.

LEGGI ANCHE:  Game of Thrones: un artista crea le scene mancanti dell'ottava stagione

 

Ed ora inondateci con le vostre opinioni!